Nail Care | Solvente: quale scegliere?

lunedì, maggio 18, 2015

Ciao a tutte ragazze, l'argomento di cui voglio parlavi oggi sono i solventi.
Perché ho scelto questo come primo step? È importante che le vostre unghie siano ben pulite, quindi prima di cominciare con la manicure vera e propria dovete rimuovere eventuali tracce di smalto, se invece non lo avete potete saltare questo passaggio.
Sappiamo tutte cos'è un solvente e quale sia la sua funzione, ma c'è una regola fondamentale - quando ne acquistate uno - sulla quale non potete transigere: niente acetone! L'acetone, infatti, è una sostanza tossica e molto aggressiva, quindi capirete da voi che le vostre unghie non ne gioverebbero affato; le secca tantissimo (oltre a seccare anche la pelle che le circonda, e questo porta alla formazione delle pellicine) e finireste col rovinarle, di conseguenza non farete che renderle sempre più deboli. Per questo motivo ricordatevi di controllare l'inci del solvente.
Quasi tutti l'hanno eliminato, anche se in commercio ce ne sono ancora alcuni che si ostinano a tenerlo. Ma l'assenza di acetone non basta, perché un solvente può non contenerlo ma avere comunque al suo interno sostanze ben peggiori: il Metanolo, il MEK e l'Isopropyl Alcohol. Tutti e tre sono componenti dannosi e, come per l'acetone, possono seccare la pelle.
Viene consigliato di farne un uso moderato, perché ciò che è contenuto nel solvente non scioglie solo lo smalto ma anche la parte grassa dell'unghia, e usandolo in continuazione finirete col farle sfaldare.
(Parisienne € 0.50 - Essence € 1.99 - Deborah € 3.90 - Kiko € 3.90 - Maybelline € 5.50 - Pupa € 5.90)*
Ormai i solventi non servono più solo a togliere lo smalto, quella è roba superata! Ora idratano, proteggono e rafforzano le nostre unghie, e per i nasi più fini, che non tollerano il loro odore pungente, sono stati creati dei solventi dalle delicate profumazioni floreali o fruttate.
Oltre a quello classico, in commercio se ne possono trovare anche di altri tipi:
(Shaka € 2.99 - Maybelline € 5.99 - Essence € 3.79 - Wjcon € 5.50 - Sephora € 9.00 - Pupa € 7.90) *
Con spugna: sono contenuti in dei flaconi tondi, e al loro interno hanno una spugna imbevuta di solvente, e spesso anche oli che servono a idratare le unghie e la pelle. Questi, in particolare, sono molto utili durante la stesura, se per caso abbiamo accidentalmente rovinato lo smalto appena messo; non bisogna fare altro che inserire il dito dentro il flacone e sfregarlo contro la spugnetta, evitando così di andare a toccare le altre unghie.
Non utilizzatelo per levare smalti con i glitter, perché resteranno attaccati alla spugna e vi finiranno sulla pelle quando lo userete la volta successiva.
La sottoscritta ha realizzato un tutorial per poter creare comodamente a casa il vostro solvente a immersione, e lo potete trovare a questo link.
In dischetti: non sono altro che dei dischetti imbevuti di solvente, contenuti dentro delle scatoline circolari o in pratiche bustine, e sono fatti apposta per essere tenuti dentro la borsetta nel caso serva un intervento d'emergenza, oppure dobbiate andare in vacanza, dato che, come ben sapete, è vietato portare il solvente sull'aereo.
(Cien € 1.39) *
Dosatore antispreco: quante volte vi è capitato di far cadere il flacone del solvente dopo averlo urtato accidentalmente? Oppure di metterne una quantità spropositata sul dischetto? Io ho perso davvero il conto, e ogni volta mi arrabbio perché così non faccio che sprecare prodotto, ma questo solvente è a prova di imbranate, come me. Di fatti sotto il tappo ha una piccola ventosa che eroga la giusta quantità di solvente; dovete solo poggiarci sopra il dischetto di cotone e spingere l'erogatore verso il basso.
Di questo tipo ho trovato solo quello della Cien, che potete comprare alla Lidl; ce ne sono due, ma solo questo rosa è senza acetone, e fra l'altro ha un inci abbastanza pulito. Volendo, comunque, in commercio si trovano questi barattoli con tappo dosatore, dentro i quali potete versare il vostro solvente. 
(Sephora € 8.90 - Kiko € 5.90 - Essence € 2.99 - Bottega Verde € 7.99 - Pupa € 10.50 - Deborah € 6.95) *
A penna: sono utilissimi per pulire il giro cuticole dopo aver applicato lo smalto, rimuovendo eventuali piccole sbavature. Nella parte posteriore hanno delle punte di ricambio, già imbevute di solvente.
($ 7.00)
Novità del campo dei solventi è un prodotto della Nail-Aid, che sta spopolando tra le blogger straniere, ma qui in Italia ce lo sognamo, a meno che i vari brands non comincino con il copia-copia generale.
Si tratta del primo solvente in gelatina, e ce ne sono due varianti: uno per gli smalti glitter e le nail art, e uno per smalti scuri, che ovviamente può essere usato anche su smalti normali.
È semplicissimo da usare: si inserisce il dito nella gelatina, in modo che un po' di prodotto resti sull'unghia, si richiude la confezione per evitare che la gelatina si secchi, si aspettano 4 minuti, si rimuove lo smalto con un fazzolettino e infine bisogna lavarsi le mani. 
Il difetto di questo gel è che purtroppo non è acetone-free.

Quando usate un solvente:
  • Tenete la finestra aperta, in modo da arieggiare la stanza
  • Lavate le mani con acqua e sapone per eliminare eventuali tracce
  • Stendete dell'olio per cuticole, in modo da evitare che la pelle si secchi. È utile soprattutto quando si rimuovono smalti scuri perché evita che vi macchiate
  • Se è possibile non usatelo più di una volta a settimana
  • Deve essere efficace, questo vi impedirà di doverlo ripassare più volte
  • In gravidanza è meglio prediligere solventi delicati e non nocivi da respirare. L'uso del solvente e dello smalto è consentito ma in uso ridotto.
* I prezzi dei prodotti li ho trovati su internet, quindi alcuni potrebbero non essere del tutto corretti.

Vi è stato utile questo post? Io, grazie alla ricerca che ho fatto per scriverlo, ho scoperto che il mio solvente abituale, quello di Parisienne col tappo rosso, non va bene, perché contiene MEK e Isopropyl Alcohol, quindi penso che passerò in modo definitivo a quello di Cien. 
Alla prossima :) 

Ti potrebbe interessare

2 commenti

  1. Interessantissimo questo tuo articolo! :) e il solvente in gelatina non lo avevo mai sentito! Sono curiosa! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sarei davvero curiosa di provarlo! Grazie :)

      Elimina

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.