Nail Care | Come applicare lo smalto

lunedì, giugno 22, 2015

Ciao a tutte ragazze, alla fine ho deciso di scrivere anche l'ultimo, vero post della Nail Care, perché non potevo saltare questo step, dal momento che è quello conclusivo. Quindi, oggi, vi parlo di come applicare lo smalto in modo perfetto.
Vedendo i video su YouTube o Instagram provo sempre una grande invidia per quelle ragazze che riescono ad applicarlo velocemente e senza la minima sbavatura. Se dovessi provarci io rischierei di far arrivare lo smalto alle nocche ahahah Anche voi avete il mio stesso problema? Allora vediamo insieme come fare per riuscire ad applicare bene lo smalto. Comunque vi dico che la prima regola fondamentale è quello di fare tanta, tanta ma tanta pratica, e vedrete che prima o poi riuscirete ad applicarlo anche ad occhi chiusi!
Per prima cosa bisogna avere la mano ferma, per questo motivo è bene sfruttare una superficie piana, abbastanza ampia, in modo che possiamo metterci belle comode e lavorare con tranquillità.
Per riuscire ad avere un tratto fermo e preciso dobbiamo poggiare il gomito della mano con cui stiamo mettendo lo smalto, così che questa eviti di tremolare. Ma a stare ben ferma dev'essere anche l'altra mano, quindi poggiatela bene e allargate le dita, in modo da non andare a urtare involontariamente lo smalto appena messo.
Evitate di scuotere la boccetta dello smalto, soprattutto se avete deciso di metterne uno che non usate da un po', perché così facendo andrete a creare delle bolle d'aria che ritroverete poi sulle unghie, ed ovviamente la superficie non apparirà più liscia e omogenea. La giusta tecnica è quella di ruotare la boccetta tra le mani per circa 30 secondi, in modo che lo smalto si riscaldi e i pigmenti si rimescolino tra loro.
Un ruolo fondamentale nell'applicazione lo gioca il pennellino. Alcuni brands sono davvero sadici e ci propinano dei pennellini minuscoli, che ci costringono a fare più passate del dovuto; quelli perfetti sono larghi e a lingua di gatto, perché la loro forma segue l'arco naturale delle nostre unghie, e permettono di ricoprire la superficie in al massimo in paio di passate. Se tutti si mettessero in testa di usare questi pennelli, il mondo sarebbe un posto migliore!
È importante ripulire il pennellino dal prodotto in eccesso, quindi strisciate il lato che non utilizzerete sulla parte interna del bordo della boccetta, evitando così che si formi la "crosticina" e il tappo finisca con l'incollarsi.
Quanto andate a stendere lo smalto fate uno strato sottile, a maggior ragione se è denso, questo accorcerà i tempi di asciugatura ed eviterà che si formino le bollicine nello strato successivo. Proprio così, sapevate che una delle cause delle bollicine è proprio l'applicazione di un altro strato di smalto su uno che non è ancora del tutto asciutto? Un altro trucco per evitare che si formino è avere mani fresche e asciutte, di fatti il caldo è nemico degli smalti, per questo è più facile che vengano fuori d'estate piuttosto che l'inverno.
Quindi è preferibile fare tre passate sottili (se lo smalto non è troppo coprente) piuttosto che una eccessivamente abbondante, perché al minimo colpo vi resterà un solco sulla superficie oppure lo smalto finirà col sollevarsi.
E ora vediamo il giusto metodo per applicare lo smalto:
Come vi ho detto nel post precedente, non scordatevi mai di stendere una base per proteggere le vostre unghie.
Versate una piccola goccia sulla superficie e con l'aiuto del pennellino spingerla leggermente verso il giro cuticole, cercando di creare una linea netta e non frastagliata (ricordatevi di lasciare qualche millimetro di spazio in modo da dare un effetto allunganto alle unghie), procedete poi dalla parte opposta, tracciando una linea dritta verso il margine libero. Ripartendo dal punto iniziale facciamo poi i laterali, tenendo il pennello leggermente inclinato per fare bene la curva. Cercate di non avvicinarvi troppo ai margini, in modo che lo smalto non sbavi; se dovesse accadere toglietelo con un bastoncino d'arancio, lo spingi cuticole o una penna correggi smalto. Per finire applicate uno sottile strato anche sul margine libero, in questo modo lo sigillerete ed eviterete che si scheggi. Aspettate che lo smalto si asciughi bene e procedete con la seconda passata, appena più abbondante della precedente.
Ripulite il giro cuticole con un pennellino a lingua di gatto dalle setole sintetiche imbevuto di solvente, una penna correttiva o, in alternativa, un bastoncino d'arancio; dovete avvolgere un pochino di cotone attorno alla punta (io di solito apro in due un dischetto di cotone e lo faccio rotolare sopra dopo averlo bagnato appena) e imbevetelo di solvente. Se potete evitate i cotton fioc perché sono troppo grandi e rischiate di rovinare lo smalto.
Per ultimo stendete la base. In commergio esistono dei prodotti, in spray o gocce, utili per far asciugare lo smalto in minor tempo; personalmente io non li utilizzo, per evitare che mi si rovini metto lo smalto quando so che per le successive ore non ho nulla da fare e sempre di mattina, in modo che abbia tutto il giorno per "assestarsi" e una volta andata a letto non rischio di ritrovarmi i segni del cuscino il mattino seguente.
Un'ultima cosa da ricordare, prima di stendere il top coat, è quella di sgrassare le unghie, e per farlo dovete utilizzare il buffer, in questo modo lo smalto durerà di più e non verrà via come se fosse una pellicola. Per quanto il buffer possa avere una grana fina, evitate di calcare troppo la mano per non rovinare le unghie, basta una passata leggera, il tanto che serve per opacizzarle.

Questa volta è davvero tutto, vi ringrazio per aver seguito la rubrica :) Alla prossima!


Ti potrebbe interessare

4 commenti

  1. Thank you for all your information. Big hug.

    RispondiElimina
  2. Per non dover aspettare ore che lo smalto asciughi ti consiglio come top coat il Seche Vite, in Italia lo vende Clarissa ma si trova facilmente su Ebay, Asciuga completamente lo smalto in meno di due minuti, è fenomenale, devi provare per capire!

    RispondiElimina

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.