Nail Care | SOS Cuticole

lunedì, giugno 08, 2015

Ciao a tutte ragazze e benvenute a questo nuovo appuntamento con la Nail Care; oggi vi parlo di cuticole, e di prodotti e strumenti utili per ovviare a questo fastidioso problema, cruccio di molte, me compresa.
Cosa sono le cuticole?
È uno strato di pelle morte, piuttosto elastica, che si trova sulla radice dell'unghia, si sviluppa sia sulla superficie che lateralmente, e in questo caso vengono chiamate pellicine. Le cuticole, per quanto antiestetiche, svolgono l'importante compito di proteggere le unghie da microbi e allergeni, e se eliminate nel modo sbagliato possono provocare molti fastidi, fino ad arrivare a delle vere e proprie infezioni.
Le cuticole si formano per un naturale processo di cheratinizzazione della pelle, mentre per quanto riguarda le pellicine i fattori possono essere molteplici: eccessiva secchezza della pelle, contatto con agenti chimici, prolungata esposizione all'acqua, utilizzo di solventi con acetone.
La presenza delle cuticole può rovinare l'aspetto delle nostre unghie, per questo, se si vuole avere una manicure impeccabile, è bene prendersene cura nel giusto modo e con i giusti mezzi.
( Debby € 5.90 - China Glaze € 9.70 - Kiko € 5.90 - Essence € 3.79 - Essie € 13.00)*
L'olio per cuticole serve per idratare sia le unghie che la pelle che le circonda. In commercio ce ne sono di diversi tipi: da applicare con un pennellino, con il contagocce, spray, roll-on, a penna e con una consistenza gelatinosa; lo si applica attorno a tutto l'arco e lateralmente, massaggiandolo bene con i polpastrelli, in modo che venga assorbito dalla pelle, e lo si lascia poi agire per qualche minuto, così che le cuticole si ammorbidiscano.
Non siete obbligate a usarlo solo quando fate la manicure, perché le unghie ne traggono giovamento ogni volta che ne fate uso. Per chi ha problemi di eccessiva secchezza è bene utilizzarlo anche tutti i giorni, meglio ancora se prima di andare a letto, in modo che l'olio abbia tutto il tempo di riposare ed essere assorbito.
C'è chi lo usa perfino dopo aver utilizzato il solvente ed aver poi applicato lo smalto, in modo che la pelle eviti di seccarsi a causa degli agenti chimici contenuti all'interno del solvente. In più è molto utile quando si vanno a rimuovere smalti scuri perché evita che la pelle si macchi.
Sono composti da un mix di olii ai quali vengono aggiunti degli olii essenziali, vitamine e minerali, che non servono solo a migliorare l'aspetto delle nostre unghie, ma le aiuta a crescere forti e sane.
In alternativa potete crearne uno voi stesse, facendo scaldare leggermente due cucchiai di olio d'oliva con un cucchiaino di succo di limone. Oltre a quello d'oliva potete utilizzare l'argan, quello di ricino, di mandorle dolci o di jojoba, che sono gli olii più comuni contenuti nell'olio per cuticole, questo perché hanno tutti proprietà idratanti e nutrienti.
(Badger € 7.95 - Lush € 9.95 - Akamuti € 9.99 - Burt's Bees € 8.60 - I Coloniali € 13.50)*

Oltre all'olio per cuticole esiste anche il burro per cuticole (o la crema), meno unto rispetto al primo ma con una componente più grassa, perfetto per chi ha le cuticole particolarmente secche.
Il burrò di karitè e il burro di cacao sono componenti fondamentali di questi prodotti per le loro proprietà protettive, idratanti, nutrienti, tonificanti, emolienti e anche anti-batteriche (nel caso del burro di karitè), ed entrambi sono ingredienti naturali al 100%. Oltre a questi troviamo gli olii che vi ho citato prima e, spesso, si può notare anche la presenza di miele, un nutriente naturale, e di limone, utile per rafforzare e sbiancare le unghie.
Il principio è lo stesso dell'olio per cuticole, quindi va applicato tutto attorno e massaggiato per bene.
(Essence € 2.29 - Orly € 12.00 - Layla € 7.50 - Sally Hansen € 9.00 - Deborah Lippmann $ 20.00)*
Il terzo prodotto per la rimozione delle cuticole è il cuticle remover, o più semplicemente lo sciogli cuticole. Non fatevi ingannare dal nome, le cuticole non si dissolveranno come per magia, in pratica questi prodotti hanno una formulazione che permette di rimuoverle più facilmente.
Non si deve fare altro che applicarlo sulle cuticole, attendere qualche istante e, di norma, le cuticole si possono poi rimuovere con facilità grazie all'uso di un bastoncino d'arancia, "grattandole" via. Ma fate molta attezione perchè questi sciogli cuticole contengono degli agenti alcalini, per questo vi sconsiglio caldamente di usarli tutti i giorni, ed evitate il contatto con gli occhi; se decidete di usarlo fatelo al massimo un paio di volte al mese e solo se le cuticole si notano più del solito.

Ora passo a illustrarvi gli strumenti veri e propri.
Dopo aver fatto ammorbidire le cuticole grazie all'olio, dobbiamo spingerle indietro. Come vi ho scritto prima si tratta di una porzione di pelle elastica che tende a scendere, e non è tanto bella da vedere, quindi che si fa? La si nasconde, facendola tornare sotto l'eponichio, in questo modo non la vedremo, le nostre unghie appariranno più curate e non andremo ad intaccare questa barriera naturale.
Il primo è lo spingi cuticole il cui compito, facilmente intuibile dal nome, è proprio quello di tirare indietro lo strato di pelle, liberando così la porzione di lamina ungueale che ne era stata ricoperta.
In commercio se ne possono trovare di diversi tipi: in pietra pomice (utile anche per opacizzare le unghie), in plastica (il quale ha una punta sagomata in morbida gomma che aiuta a spingere indietro le cuticole in modo delicato, mentre la punta in plastica serve a eliminare i residui), in acciaio a taglio o a punta (la forma dello spingicuticole è arcuata, e questi strimenti sono in grado di far arretrare anche le cuticole più dure, mentre le altre due punte permettono di eliminare con facilità le pellicine), in legno (i cosiddetti bastoncini d'arancio; da una parte hanno una punta piatta che aiuta a spingere e rimuovere le cuticole, mentre dall'altra ne ha una dalla forma appuntita, utile per pulire il giro cuticole da eventuali sbavature dello smalto o per applicare le decorazioni sulle unghie).
Se non siete molto esperte ma volete comunque uno strumento che vi aiuti a eliminare le cuticole vi consiglio di utilizzare lo spingi cuticole in plastica o i bastoncini d'arancio, perché con quelli in acciaio rischiate di farvi male e di causarvi delle possibili infezioni.
Dopo aver utilizzato questi strumenti, bastoncini d'arancio a parte, sia su di voi che su altre persone, ricordatevi sempre che è buona norma disinfettarli.
Gli strumenti di cui vi sto per parlare servono proprio a tagliare via le cuticole, ma sappiate che sono molto pericolosi, perché il rischio di tagliarsi è altissimo e quindi di far proliferare i batteri, oltre al fatto che rischiate di scalfire l'unghia.
Se avete una crescita minima di cuticole potete anche evitare di acquistarli, perché vi bastano l'olio per cuticole e lo spingi cuticole, mentre questi due strumenti sono utili per chi soffre di Pterygium, ovvero l'eccessiva crescita delle cuticole, che possono arrivare a ricoprire anche un terzo dell'unghia. Sto parlando del trimmer e del tronchesino.
Il trimmer non è altro che una forcina biforcuta in acciaio ed è molto comune trovarla nei kit per fare la manicure. Usatelo solo se qualcuno con più esperienza di voi vi ha insegnato come fare.
Il movimento è semplice: dovete poggiare la forcina alla base dell'arco e, con un unico movimento circolare, raggiungete il lato opposto. In questo caso scegliete voi se partire da destra o da sinistra, per quanto mi riguarda io su quasi tutte le unghie vado da destra verso sinistra, e solo su un paio mi viene meglio partire da sinistra.
Il movimento dev'essere fluido, la cuticola deve venir via tutta insieme, quindi evitate di "picchiettare", muovendovi a tentoni, perché così facendo irriterete l'area e potreste tagliarvi.
Con il tronchesino si possono sia tagliare le cuticole che eseguire dei lavori di precisione, specie negli angoli, ma se con il trimmer è facile tagliarsi con questo lo è ancora di più, quindi prestate la massima attenzione.
Il tagliente si trova di diverse lunghezze e forme, e si può riaffilare; può essere a una o due molle, oppure con anelli come le forbici.
Io ce l'ho ma evito di tagliarci le cuticole, perché le mie non sono molto evidenti, e quando si notano un più di più preferisco usare il trimmer. Il tronchesino, invece, lo utilizzo per accorciare le pellicine laterali, in modo da evitare di avere la tentazione di strapparle via coi denti, cosa che dovete assolutamente evitare, questo perché nella saliva sono contenuti degli enzimi che possono far screpolare la pelle, quindi più le smangiucchiate e più le pellicine vi ricresceranno. Volendo, per questa operazione, si possono usare anche le forbicine.
(Collistar € 18.50 (Kit) - Rimmel London € 5.69 - Bottega Verde € 8.99 - Deborah € 7.99 - Kiko € 4.90)*

Il nostro ultimo alleato contro le cuticole è lo scrub; in commercio ce ne sono davvero un sacco, e al loro interno contengono dei granuli o della polvere che svolge un'azione di peeling sulle cuticole.
Un'alternativa economica e alla portata di tutte ce l'avete in casa, infatti potete creare il vostro scrub personale mischiando zucchero e miele (che potete poi conservare in frigorifero); se oltre a eliminare le cuticole volete anche sbiancare e fortificare le unghie, non dovete fare altro che aggiungere olio d'oliva, limone e bicarbonato al composto. Al posto dello zucchero si può usare anche il sale fino, che aiuta a rimineralizzare le unghie.

E voi quali prodotti e strumenti utilizzate per curare le vostre cuticole? Alla prossima :)

* I prezzi dei prodotti li ho trovati su internet, quindi alcuni potrebbero non essere del tutto corretti.

Ti potrebbe interessare

4 commenti

  1. ottimo post!!!! lo scrub fatto in casa è davvero una coccola alle mani!

    RispondiElimina
  2. Grandissima! Io utilizzo sia l'olio che il burro... e ho inoltre una crema per cuticole :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io dovrei ricordarmi più spesso di mettere olio e burro, soprattutto in questo periodo

      Elimina

Image and video hosting by TinyPic
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato a discrezione degli autori e senza alcuna periodicità. Non può quindi essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge 62 del 7/3/2001.